Privacy Policy Mons. Pietro Fanciulli
Crea sito
Home La Delegazione Toscana

Mons. Pietro Fanciulli

E-mail Stampa PDF

Nato a Porto Santo Stefano di Monte Argentario il 29 giugno 1920, e qui residente. E' stato ordinato presbitero a Grosseto (Duomo), il 29 Giugno 1945, dove gli fu immediatamente dato l'incarico di Viceparroco della Cattedrale, fino al 1949.

Dal 1949 svolge il suo ministero in Porto Santo Stefano. Era stato mandato dal Vescovo al paese natio, che stava risorgendo dalle macerie della guerra, per essere punto di riferimento e di sostegno per la sua rinascita materiale e spirituale. Da allora e' rimasto al suo paese, tra la sua gente, ricusando incarichi di prestigio, per dedicarsi in modo particolare a ricostituire le associazioni giovanili e darsi all'insegnamento. Questo ha costantemente costituito il campo della sua attivita', aiutando ragazzi e giovani d'ogni livello a superare le difficoltà familiari, della scuola e i problemi generazionali. In quello stesso anno del 1949, si fece promotore col Comune per istituire la Scuola Media Inferiore, per dare modo ai ragazzi che non ne avevano i mezzi, d'avviarsi agli studi, riservati allora a quei pochi che avevano la possibilita' di studiare fuori del paese. Similmente, quando la Scuola Media si consolido' e divenne Scuola Statale, si adopero', sempre sotto l'auspicio concreto del Comune, ad istituire una Scuola Media Superiore, che qualche anno dopo si concretizzo' con l'Istituto Tecnico Nautico Statale .

Negli anni '70 ha insegnato Matematica e Scienze Naturali nel Seminario Vescovile di Grosseto. In quello stesso anno fu invitato dall'Associazioni dei Maestri a tenere un Corso d'aggiornamento sulla Matematica moderna agli Insegnanti Elementari della provincia, corredando le lezioni col manoscritto di "Teoria degli Insiemi e Logica matematica ".

Nel 1979 il Vescovo gli affido' la nuova Chiesa e Comunita' parrocchiale dell'Immacolata, nel popoloso Rione del la Valle di Porto S. Stefano, e vi rimase per otto anni, dotando la Chiesa, nuda e spoglia, da divenire funzionale. Ha costruito la Casa Canonica con annesse aule scolastiche per la Catechesi, per le attivita' pastorali e per altre forme d'Insegnamento e di cultura, dotandole degli strumenti didattici moderni e di biblioteca. Raggiunti gli obiettivi fissati dal vescovo e formatasi ormai una vera e consolidata Comunita', nel 1988 ha lasciato la Parrocchia, e gli e' stato affidato il riordinamento e la sistemazione dell'Archivio Storico dell'Abbazia Nullius delle Tre Fontane d'Orbetello, che era stato distrutto e disperso nella passata guerra.

Ha saputo conciliare la sua intensa attività sacerdotale e pastorale con la particolare inclinazione naturale all'insegnamento e alla ricerca. La sua cultura classica, letteraria, e scientifica, come anche i vasti interessi culturali, gli hanno permesso di stare vicino ai ragazzi, agli adolescenti e ai giovani, aiutandoli disinteressatamente nelle difficolta' e non solo in quelle scolastiche.

Ha svolto una grande e vasta attivita' culturale come ricercatore e studioso, non solo come scrittore, ma anche come divulgatore attraverso una serie di conferenze e importanti relazioni a Convegni e Congressi, col trattare argomenti di vario interesse culturale . Per la passione predominante , si era dedicato e distinto in studi e ricerche di Matematica. Al suo nome sono ascritti teoremi di Geometria analitica e di Analisi. Ha pubblicato alcuni lavori, che gli hanno permesso di divenire membro della American Mathematical Society (USA), della Real Sociedad E spa nol a de Matemàtica (Madrid) , per lungo tempo dell ' Union e Mate mat i ca Italiana, della European Mathematical Society e della Fibonacci Association (USA) , specializzata in Teoria dei Numeri. Il suo nome è ai primi posti come solutori di concorsi matematici in riviste specializzate (S apere, Angolo Acuto, e attualmente in European Mathematical Society-News ) . Ha avuto corrispondenza con studiosi e giovani studenti di altre localita', che gli chiedevano spiegazioni sui metodi impiegati o su determinati argomenti. Di particolare onore è stata la lunga amicizia col prof. F. Tricorni di Torino (famoso per l'equazione degli aerei a reazione, membro di molte Accademie Estere), del quale aveva revisionato un testo d'Analisi Matematica.

- In campo umanistico e' cultore di lingua e t rusca e latina, di cui sta elaborando un lessico moderno; è conosciuto come compositore di carmi latini, passione che coltiva fin dalla giovinezza. Noto è il Carmen ad Montem Argentarium, quasi un poema di circa 200 esametri latini, composto per il 150° anniversario del Comune omonimo. -

- E' stato collaboratore del pro f. T. Bolelli , direttore dell'Istituto di Glottologia dell'Universita' di Pisa e della rivista "L'ITALIA DIALETTALE", per ricerche di lessicografia e dialettologia italiana (vedi Bibliografia). L'aveva chiamato a far parte dì un gruppo specializzato per lo studio dei dialetti della costa toscana, affidandogli l'inchiesta sulla costa meridionale ( Argentario - Giglio). Dopo lunghi anni , il lavoro si e' concretizzato nella pubblicazione del Vocabolario di Monte Argentario e Isola del Giglio. Con questa opera di grande respiro linguistico, frutto di lunghe ricerche e di elaborazione, il parlare dell'Argentario è stato elevato a livello scientifico. Tant'e' che da anni si trova abbondantemente citato nelle opere e negli studi di linguistica e di dialettologia, in Europa e nel mondo.

Si e' dedicato e si dedica tuttora alla promozione culturale dell'Argentario, interessandosi, come testimonia la bibliografia dei suoi scritti, alla storia e al ricupero delle memorie del passato che stavano disperdendosi nell'oblio. I suoi studi non sono però limitati all'Argentario, ma anche al territorio della Provincia, in particolare d'Orbetello. Per le sue ricerche, con scritti, conferenze e manifestazioni culturali, sulla storia e la tradizione d'Orbetello, il Consiglio Comunale della Città lagunare all'unanimità gli ha concesso , circa vent'anni fa, la cittadinanza onoraria .

RICONOSCIMENTI ONORIFICENZE INCARICHI SPECIALI - ECCLESIASTICI E CIVILI:

- Cappellano di Sua Santita';

- Cappellano Cavaliere dell'Ordine del Santo Sepolcro di Gerusalemme;

- Canonico della Cattedrale d'Orbetello;

- Cappellano Coadiutore del 64° Deposito Territoriale dell'Aeronautica Militare di Porto S. Stefano;

- Direttore dell'Archivio Abbaziale delle Tre Fontane d'Orbetello;

- Cittadino onorario della Città d'Orbetello;

- Membro della European Mathematical Society e della Unione Matematica Italiana, e d'altre Associazioni culturali, tra le quali l'importante Associazione Archivistica Ecclesiale di Roma;

- già Membro della America Mathematical Socie ty e della Real Sociedad Espanola de Matemàtica;

- già Presidente dell'Ente Comunale Assistenza, per quattro anni (1960);

- già Consigliere Nazionale dell' Archeoclub d'Italia (1978);

- già membro della (disciolta) Accademia di Scienze e Lettere di Montecatini ;

- Premio letterario dell'Argentario 1964 per il Saggio "11 linguaggio dei marinai" ;

- Più volte premiato al Premio letterario "IL SETACCIO" di Montecatini per le opere: "Folklore e linguaggio dei marinai dell'Argentario ", ''Racconti e leggende nella vita marinara di Porto S. Stefano", ed altre.

- Premiato per l'impegno culturale, e dichiarato da una speciale Commissione di studiosi, letterati e intellettuali, tra i cinque migliori scrittori della Maremma (Grosseto-Marina, luglio 2001), con questa motivazione:

«Letterato e storico, ma anche studioso di documentaristica, di archeologia, linguistica, toponomastica e latino. La vastita' dei suoi interessi, ai quali ha lungamente e costantemente atteso senza trascurare il ministero sacerdotale, si rispecchia in una cospicua serie di opere, molte delle quali dedicate ai fatti e alle genti dell'Argentario, sua terra d'origine. Allo studio delle discipline umanisti che, non ha esitato ad accompagnare quello della prediletta matematica, nella quale ha conseguito un ruolo di rilievo internazionale. Don Pietro Fanciulli, all'uomo d'ingegno e di fede, al filologo dotto, allo storico».

BIBLIOGRAFIA DEGLI SCRITTI EDITI DI PIETRO FANCIULLI

SEZIONE 1: MATEMATICA

1. Generalizacion de un teorema sobre dos elipses tangentes, in EUCLIDES, Revista de Ciencias, vol.180, Madrid 1958 .

2. IntegraI notable para la plurisecciòn de los arcos hiperbolicos, in EUCLIDES, vol . 200, Madrid 1960.

3. Sobre dos elipses circunscritas a un triangulo de centro en los e x centros, in GACETA MATEMATICA, Instituto de Investigaciones Cientificas, Madrid, tomo XIV (1962).

4. Logica matematica - Teoria degli Insiemi, testo delle lezioni de l Corso di Matematica moderna per Insegnanti elementari, Grosseto 1970.

5. Ricerca del fattore razionalizzante in espressioni irrazionali d'indice n > 2 col metodo dei coefficienti indeterminati, in ANNUARIO 1964-1970, Istituto Tecnico Nautico di Porto 5. Stefano, Pitigliano 1971.

6. Semiotica, Semantica, e Sintassi del linguaggio matematico , in QUADERNO N.13 dei REN D ICONTI DI MATEMATICA, Istituto G. Castelnuovo, Universita' di Roma, a. acc.1970-71.

7. La formula risolutiva del l'equazione di secondo grado, nota didattica dimostrativa sopra un nuovo metodo, in ANGOLO ACUTO, n. 2-4, Firenze 1971.

8. Serie numeriche e coefficienti binomiali, in QUADERNI DI MATEMATICA, n. 1, Istituto Tecnico Nautico di Porto Santo Stefano, Genova 1978.

9. Scomposizione del trinomio ax2 + bx + c, con a> 1. - Nuovo metodo dimostrativo e applicazioni pratiche, in ANGOLO ACUTO, n. 3-4. Firenze 1978.

10. Generalizzazione del teorema di Ruffini - Resto della divisione di due polinomi qualunque e algoritmo per ottenere il resto. Pro manuscripto, numero di esemplari limitati, 1979-80.

SEZIONE 2: BIBLIOGRAFIA - ARCHIVISTICA

1 Bibliografia generale dell'Argentario in "MONTE ARGENTARIO, Rivista edita dal Comune di Monte Argentario, 1963-1964. fino alla lettera M, per cessazione della Rivista.

2. Saggio di Bibliografia del Caravaggio - Celebrazioni caravaggesche Monte Argentario 1973, a cura del Comune di Monte Argentario, Pitigliano 1973.

3. Bibliografia ragionata della Laguna d'Orbetello, con un'introduzione, ampia e corredata di documentazione archivistica, Pitigliano 1997, pp. 174.

4. Catalogo e inventano dell' Arch i v i o Abbaziale d'Orbetello, di prossima pubblicazione: Serie I: Inventario o dei libri manoscritti e a stampa;

Serie Il: Catalogo del materiale cartaceo, vo l . I, Cartelle 01-60, con Indice onomastico e delle materie;

Serie I I I: Catalogo del Fondo di Lingua spagnola.

SEZIONE 3: LINGUSTICA ( L ESS I COGRAFIA, DIALETTOLOG IA , TOPONOMASTICA, EPIGRAFIA CLASSICA, STORIA GENERALE E LOCALE, TRADIZIONI POPOLARI, ONOMAS IA , AMBIENTE E SOCTETÀ)

5. Inchiesta sulla Scuola, in "L'ARGENTARIO", n. 2, Livorno 1960.

6. Il dialetto dell'Argentario, in "L'ARGENTARIO", n. 2 e 3, Livorno,1960.

7. La saggia filosofia del nostro popolo, serie di saggi di paremiologia del l 'Argentario, in "MONTEARGENTARIO", dal 1963 al 1964.

8. Il linguaggio del marinai dell'Argentario - Premio letterario Monte Argentario, edizione 1965.

9. I costumi e la sapienza dei contadini dell'Argentario attraverso il loro linguaggio. Con glossario. Estratto da "MONTE A RGENTARIO", 5, 1964, Grosseto.

10. Folklore e religiosità dei marinai dell'Argentario, in "RIVISTA DIOCESANA" Grosseto, n. 3, 1966.

11 . Folklore pasquale a Porto S. Stefano, in "RIVISTA DIOCESANA", n. 4, Grosseto.

12. Lettera autografa di San Paolo della Croce al papa Clemente XIII scoperta nell'Archivio Abbaziale di Orbetello, in "RIVISTA DIOCES.", Grosseto 1967

13. La tradizione marinara della nostra gente attraverso le scuole nautiche, in "IL TELEGRAFO", Livorno, n. 11, agosto 1966.

14. Perché i Cavalieri di Malta non sono i Cavalieri dell'Argentario, in "ESTATE ARGENTARIO 1968", numero unico, testo riprodotto e rielaborato con aggiorna m enti in "RIVISTA DIOCES.", Grosseto, n.9 (1968).

15. Il tratto toscano dell'Abbazia delle Tre Fontane e il Diploma di Leone III e Carlo Magno, in "ANNUARIO 1971 DELLA DIOCESI DI GROSSETO" Viterbo 1971; revisione e aggiornamento in "DOVE E QUANDO", Orbetello, n.35, 36, 37 (1983).

16. Impronte dell'Abbazia delle tre Fontane nella toponomastica dell'Argentario, in "RIVISTA DIOCES.", Grosseto, 2(1968).

17. L'Ascensione nella tradizione popolare di Porto S. Stefano, in "RIVISTA DIOCESA N A", Grosseto, n.4 (1968).

18. Reliquie di lingua castigliana nell'odierno dialetto di Porto S .Stefano, in"A TT I DEL CONVEGNO DI STORIA DELLO STATO DEI PRESIDI IN MAREMMA - Grosseto 22-23 giugno 1979", pubblicato a parte ed ampliato con glossario, Pitigliano, AT LA, 1980.

19. Sulle varie ipotesi intorno all'origine del nome "Argentario", in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, n. 10(1968).

2 0. Appunti di toponomastica dell'Argentario, in " RIVISTA DIOCESANA ", Grosseto, n. 2/3, 4/5 e seg.(1969).

21. Questo è I'Argentario , Monografia storico-geografico-etnografica, in collaborazione con Alberto Mori e Ettore Zolesi e Enrico Zolesi, Pagano Editori, Genova, 1969.

22. La visita di Filippo V di Spagna a Porto S. Stefano e Orbetello secondo il diario di viaggio di un contemporaneo, in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, N.1 (1969).

23. Epigrafia spagnola nelle Chiese dell'antico Stato dei Presidi, in " TOSCANA SUD", n . 1, 2 (1969), revisione aggiornamento, ATLA, Pitigliano 1970 .

24. Il mare nella lingua e nel folklore dell'Argentario, in "TOSCANA SUD", n.5 1970.

25. Le origini storiche ed etniche di Porto S. Stefano, Pitigliano, 1970, p .141, in 16, con tavole statistiche e onomastiche.

26. Una controversia tra l'Abbazia delle Tre Fontane e i Principi Orsini di Sovana e la Repubblica di Siena, in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, 1-2 (1972).

27. Una Bolla di Gregorio VII e I'Abbazia delle Tre Fontane, in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, 3-4 (1972); riveduto e aggiornato in "DOVE E QUANDO",

a.V II , n 3, Orbetello 1985.

28. Sull'et im o del nome "ORBETELLO". Considerazioni storico-linguistiche, in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, 5-6 (1972); nuova edizione aggiornata in

seguito a nuove ricerche in "DOVE E QUANDO", Orbetello, n.3 (1979).

29. Un tentativo di separazione dell'Isola del Giglio dall'Abbazia delle Tre Fontane, in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, n. 3 (1973).

30. L'insediamento umano in Orbetello dall'antichità al secolo XIX, Pitigliano 1974, p. 127 con tavole statistiche e documenti d'archivio .

31. Vocabolario di Monte Argentario e Isola del Giglio, in "L'ITALIA DIALETTALE", Rivista di Dialettologia, vo l . XLI e seg. (1978-86), scritti raccolti in un

volume di cui ai n. 45 di questa Bibliografia.

32. Linguaggio e Folklore dei marinai dell'Argentario, Pitigliano, 1978, p. 92; 3 ° Premio Montecatini "IL SETACCIO" 197 8.

33. Località LA SODA di Monte Argentario; un caso di protezione dell'ambiente naturale avvenuto cent'anni fa, in "DOVE E QUANDO", Orbetello, n.2 (1979).

34. Storia d'una vecchia istituzione: la ferrovia Porto S . Stefano-Orbetello, in "DOVE E QUANDO", Orbetello, n. 4 (1979) .

35. Saggio di onomasia popolare d i Porto S .Stefano, in "DOVE E QUANDO", Orbetello, nn.5,6,8,9,10,11 (1979-80).

36. Voci straniere nel linguaggio tecnico dei marinai di Porto S. Stefano, in "DOVE E QUANDO", Orbetello, n. 8(1980), p. 6; n. 9(1980), p. 4.

37 . Usi e cos tu mi del Carnevale a Porto S. Stefano. in "DIRE E FARE CARNEVALE", Editori del Grifo, Montepulciano 1984, a cura dell'Archivio delle Tradizioni popolari della Maremma grossetana, Grosseto.

38. Documenti senesi e orbetellani de i secoli X I V-XV I l in" L' ITALIA DIALETTALE", Pisa, vol. XLIII (1980), p. 73-94 con glossario.

39. Saggio sul canto lirico monostrofico popolare di Porto S. Stefano, raccolta comparata di rispetti e stornelli, Pitigliano 1981, p.124 (con t rascriz. musicale).

40. Il dramma di un paese: Porto S. Stefano 1943-1983. Storia dei bombardamenti e della distruzione del paese in occasione d e l 40° anniversario del 1° bombardamento, con l'elenco completo delle vittime di guerra, civili e militari - Pitigliano 1983, p.ll2 - Nuova ediz. della precedente migliorata e aggiornata, per commemorare il 60° anniversario, Pitigliano, ed. LAUR U M 2003 .

41. Racconti e leggende nella vita marinara di Porto S. Stefano, Pitigliano 1984, p.124 con illustrazioni di Fabio Tarantino. Raccolta dl racconti dal vero e di leggende. Il racconto "Il pianto del delfino" è stato premiato nella edizione 1984 del Premio Montecatini "IL SETACCIO".

42. PORTO SANTO STEFANO IERI E OGGI, due volumi inseparabili. VoI. 1°: foto e illustrazioni d'epoca sullo sviluppo di Porto S. Stefano, p. 200 (cm 35x25); vol.2°: note storiche ed esplicative delle illustrazioni, p.4O (cm 21x30), Pitigliano 1986. Premiato nella edizione 1987 del Premio Montecatini "IL SETACCIO", sezione Saggi.

43. " Elementi prelatini ed etruschi nella toponomastica della provincia di Grosseto " in DOVE E Q UANDO, a. VII, 1985 e sg. fino alla cessazione della rivista; ripreso e continuato in "RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, n. 3, 1986 e segg.

44. Anche le strade hanno una storia. - Storia dello sviluppo urbano di Porto S . Stefano attraverso la toponomastica urbana. Conversazioni tenute nella Scuola Media di Porto S. Stefano e raccolte dagli alunni, Pitigliano,1987, p. 84, con illustrazioni e documenti .

45. Vocabolario di Monte Argentario e Isola del Giglio. - Introduzione linguistica; fonetica, morfologia, sintassi e lessico), p.5 0 4, Pisa, Giardini ed., 1987 (già pubblicato a puntate in "L'ITALIA DIALETTALE", vol l . XLI (1978)-XL IX( 1984); 20° della Collana " Orientamenti linguistici".

46. Nomi scientifici della fauna e della flora marina e delle piante contenuti nel Vocabolario di Monte Argentario e Isola del Giglio, in "L'ITALIA DIALETTALE",

Pisa, voI. 50 (1987), p. 185- 214.

47. L'elemento germanico nella toponomastica della Maremma medievale, in " RIVISTA DIOCESANA", Grosseto, n. 1 (1988), p. 87-91. Sintesi della conferenza tenuta in Grosseto il 13 gennaio 1988 nell'ambito delle celebrazioni dell'850 ° anno della diocesi e citta' di Grosseto .

48. Statuti di Casteldelpiano sul Monte Amiata (1571), studio linguistico e lessicale, in "L'ITALIA DIALETTALE", vo l . 526,1989, 35-81, Pisa, Giardini Ed .

49. La Contea di Pitigliano e Sorano nelle carte degli Archivi spagnoli d Simancas e Madrid e dell'Archivio di Stato di Firenze (Mediceo del Principato, con doc u menti inediti spagnoli e italiani, pag. 248, Pitigliano, A TL A, 1991, con introduzione d i Angelo Biondi.

50. La Confraternita del SS.mo Sacramento e di Misericordia di Porto Santo Stefano. Storia dalle origini ad oggi (1741-1991), a cura della stessa Confraternita in occasione del 250 ° anno della sua istituzione, Pitigliano, ATLA, 1991, p.72 con riproduzione e trascrizione di documenti inediti dell'Archivio Abbaz. d'Orbetello.

5 1. Il Monte Argentario nella Storia e nell'opera di San Paolo della Croce, nel numero unico "Il Monte Argentario San Paolo della Croce e i Passionisti", Roma

1990.

52. R i f l essi toponomastici della dominazione longobarda nella piana di Barbanella, in "In principio il Padule", pp. 27-39, contributo per una storia del territorio di Barbanella (Grosseto), di AA.VV., Centro di Documentazione su Barbanella, Grosseto 1992.53. Dalle carte degli Archivi Abbaziale (A CO ) e Comunale (ACO) d'Orbetello (Grosseto), studio linguistico lessicale. in "L'ITALIA DIALETTALE", voI. LV, Pisa 1992.

54. Ad Montem Argentarium, carme latino di circa 350 versi esametri, composto in occasione del 150° anno dell'istituzione del Comune di Montargentario (1842-1992), con testo in italiano, Pitigliano 1993 .

55. San Biagio nella Storia e nella Tradizione d'Orbetello, in collaborazione con Luciano Cerulli, Pitigliano 1994.

56 . La "Divina Commedia" argentariana, prima cantica sul modello delle cantiche dantesche, sotto Io pseudonimo Stein Kindermann, Pitigliano 1994.

57. "CROCENZA ! " I giochi tradizionali dei fanciulli e dei ragazzi di Porto Santo Stefano, con un Saggio di canti popolari del Folklore musicale paesano. Disegni

di Fabio Tarantino, revisione musicale di Marco Tarantino, pp. 174, Pitigliano, 1995.

58. Nota di onomasia popolare: origine del nome, cognome e soprannome. Introduzione al Dizionario dei soprannomi della Costa d'Argento di C. Santunione, Pitigliano 1995.

59. Storia documentaria dei Reali Presidios di Toscana, voli. 3, con prefazione d el prof. Manuel Burgos Espada Direttore della Escuela Espanola de Historia y Arquelogia de Roma. Copertina, illustrazioni e glossario di Luciano Cerulli, Laurum Editrice, Pitigliano 1999-2000.

60. I Santi Patroni principali delle Comunità della Costa d'Argento, opusc, in 16 °, a cura del Circolo Filatelico d' Orbetello, con grafica di Luciano Cerulli, Pitigliano 2000.

61. Lettere dall'aldila'. Lettere aperta al Sindaco di Monte Argentario per la difesa e la conservazione del patrimonio naturale, contro la "cementificazione dell'ambiente. Stampato in proprio a cura di un Comitato cittadino, Pitigliano 2002

62. Fu mandato un uomo ...di nome Carlo. - Commemorazione di Mons. Carlo Ferrari, Priore-Arciprete della Cattedrale di Orbetello e Cappellano degli Atlantici nel 60 ° anniversario della morte: Orbetello 1944 - 2994; a cura del Circolo Filatelico "Croci e re Atlantiche " B. Andreuccetti, Orbetello, PubliArt 2004, p. 18 21x29,7.

63. La nativa vocazione, contadina della Fortezza e la sua secolare tradizione, in "Rione Fortezza" di Porto 5. Stefano, GMC Media Edit, Roma 2004.

 

Prossime Attività

E' online il nuovo sito della Delegazione Toscana:
https://smocsgtoscana.wordpress.com/

sito.jpg

Accesso editors


Pagine Visitate : 401750